BIOTOPE AQUARIUM Contest 2021 – 2022


BIOTOPE AQUARIUM Contest 2021 – una nuova vision della Natura.

Oggi assistiamo ad una vera e propria rivoluzione in ambito acquaristico, soprattutto per quanto riguarda la comunicazione ambientale. Nuove tendenze stanno trasformando il nostro hobby acquatico pretendendo che diventi più sostenibile, più responsabile, più biotopo. 

Noi, acquariofili di oggi, siamo costretti più di ogni altro hobbista a riconoscere i cambiamenti irreversibili negli ambienti naturali locali e globali. E più di ogni altro amante della natura comprendiamo la necessità di fare qualcosa al riguardo, per migliorare o, addirittura, per evitare il disastro globale. A partire dal nostro acquario. Trasformandolo da prodotto di massa in un pezzo unico della natura, ben studiato e amato. L’acquario biotopo.

Il movimento dell’acquario biotopo ogni giorno diventa più forte. Ci sono acquariofili profondamente innamorati del mondo dei biotopi, vedono l’unicità di ogni singola nicchia acquatica e mantengono i loro pesci e piante secondo quel piccolo, a volte minuscolo e fragile pezzo di Natura. E vogliono mostrare cosa sta realmente accadendo in tutto il mondo, cercando di coinvolgere quante più persone possibili. E qual è il modo migliore per farlo? Il concorso internazionale di biotopi, ovviamente!

Un concorso come il BIOTOPE AQUARIUM Contest (BAC2021) organizzato dal BIOTOPE AQUARIUM Project (BAP) aiuta a divulgare l’idea dell’ecosistema corretto nei termini del biotopo e svolge un ruolo importante nell’educazione e nella conservazione. Poiché possiamo solo proteggere ciò che conosciamo. 

BAC2021 ha scelto la propria strada per dare il suo contributo al hobby dell’acquariofilia introducendo i biotopi di diverse regioni geografiche: il nostro sistema di giudizio si basa su 8 unità geografiche distinte valutate dai massimi esperti specializzati in queste regioni. Le categorie del BIOTOPE AQUARIUM Contest sono state determinate a seguito della definizione delle regioni geografiche da parte delle Nazioni Unite, e poi adeguate dagli Esperti BAP in funzione dei principali bacini idrografici:

– Nord America

– Centro America e Caraibi

– Sud America

– Europa

– Africa

– Asia centrale, Asia occidentale e Asia meridionale

– Asia orientale

– Asia sudorientale e Oceania

Gli esperti BAP sono dei professionisti, che hanno visitato questi biotopi, hanno fatto le ricerche in situ e hanno studiato gli ecosistemi locali. Questo è il motivo per cui sono competenti a valutare la correttezza della ricerca aquatica eseguita dai partecipanti e il loro “prodotto” finale di questa ricerca – la creazione di un ecosistema di lunga durata ricreato artificialmente, che viene chiamato l’acquario biotopo.

La partecipazione al concorso consiste in 2 moduli:

1. BIOTOPE IN NATURE (BIN) – l’esplorazione personale del biotopo effettuata in situ o attraverso un’ampia ricerca online con il coinvolgimento e il contributo di altri acquariofili e scienziati. Questo tipo di cooperazione permette di creare una rete di persone interessate alla conservazione degli ambienti acquatici e porta a progetti concreti. La bibliografia/sitografia del BIN potrebbe svolgere un ruolo decisivo nel ottenere la valutazione più alta: oltre a essere una dimostrazione di una ricerca approfondita, aiuta a altri biotopers di capire quell’esatto ecosistema.

2. BIOTOPE AQUARIUM MODEL (BAM) – la riproduzione del biotopo acquatico originario come microecosistema chiuso nell’acquario. Questa è probabilmente la parte più divertente e creativa della competizione, in quanto agli acquariofili è richiesto di mostrare le proprie abilità pratiche e conoscenze sui biotopi mettendo insieme i componenti giusti, come la chimica dell’acqua, il substrato, la luce, il sistema di filtraggio, l’arredamento, in combinazione con i corretti abitanti acquatici nelle giuste proporzioni – pesci, piante, crostacei, molluschi – per dare alle specie ittiche e le piante acquatiche un ambiente più vicino possibile al naturale con nicchie appropriate per nascondersi e riprodursi. La cosa più importante qui è descrivere in dettaglio la propria esperienza pratica con l’acquario biotopo, condividere le proprie conoscenze con i colleghi acquariofili.

Le aziende acquatiche internazionali come Fluval, Elos e Sicce comprendono l’importanza della trasformazione nell’hobby acquatico e supportano BAC2021. Queste aziende attendono con impazienza un cambiamento positivo e abbracciano il concetto di biotopo come sviluppo inevitabile e necessario dell’hobby dell’acquario.  

Diamo un’occhiata più da vicino al lavoro svolto dai vincitori del 1° posto di ogni categoria e alla valutazione che hanno ricevuto. L’ampia descrizione di BIOTOPE IN NATURE (BIN) è presentata nella sezione BAC2021 su https://biotopeaquariumproject.com/

1. Nord America – sponsorizzato da BAP

Approvato da: Fritz Rohde (NANFA) e Lawrence Kent (NANFA)

BAM: Everglades Wetland, Florida, USA, di Anikó Csanádi (Ungheria):

I pesci d’acqua dolce nordamericani fanno parte della mia vita. Alcuni dei miei preferiti sono Elassoma, in particolare Elassoma evergladei. Con il mio acquario da 90 litri, ho cercato di creare un habitat naturale per farli sentire “a casa”. Ci sono molte piante acquatiche sommerse e galleggianti per fornire luoghi sicuri e ombreggiati dove nascondersi. Ho piantato un po’ di Juncus per ricreare anche l’area emersa. Ci sono delle foglie e dei piccoli rami sul fondo, che comprende anche sabbia e fango.

I fulmini sono moderati – non troppo luminosi – e il deflusso dell’acqua è calmo. Il pesce luna pigmeo delle Everglade non vive solo nelle Everglades, ma penso che questo sia uno dei luoghi più straordinari della Terra con la sua meravigliosa fauna selvatica.

Avvio – gennaio 2021.

Foto di Anikó Csanádi.

2. Centro America e Caraibi – sponsorizzato da BAP

Approvato da: Juan Miguel Artigas Azas (Cichlid Room Companion) and Jairo Arroyave (UNAM)

BAM: Affluente del basso Rio Usumacinta, Messico, di David Nørholm (Danimarca):

Vicino alla riva del fiume, in un piccolo affluente laterale del Rio Usumacinta, circondato da una fitta giungla, si trova questo bellissimo posticino.

Ho cercato di ricreare questo paesaggio subacqueo con una combinazione di driftwood, rami, radici, foglie, ghiaia e sassi di fiume. Ho anche cercato di ricreare la sporadica vegetazione acquatica che caratterizza aree come questa.

Sognavo da tempo di realizzare un biotopo centroamericano e quando improvvisamente ho avuto la possibilità di acquistare delle bellissime Poecilia velifera di tipo selvatico, ho capito che era il momento.

La maggior parte dei rami e dei legni sono raccolti localmente, proprio come i sassi, ad eccezione del grande sasso di fiume a sinistra. Questo è un modulo artificiale che viene utilizzato come filtro per l’acquario – perfettamente nascosto.

Foto di David Nørholm.

3. Sud America – sponsorizzato da ELOS

Approvato da: Roberto E. Reis (PUCRS), Francesco Denitto e Donald C. Taphorn (UNELLEZ)

BAM: Piccolo ruschello vicino al torrente Pobreza, Rio Blanco, Perù, di Jan Šulc (Repubblica Ceca):

Questo acquario rappresenta un torrente di acque nere acide situato in un’area forestale bassa conosciuta come igapó, con acqua pura con bassi livelli di sali e sostanze nutritive, a 6 km dal corso principale del Rio Blanco. Le foreste crescono su sabbie bianche e il fondo del torrente è ricoperto da un sottile strato di lettiera di foglie, materiale organico e radici di terreno poco profondo che limitano l’erosione e trattengono i nutrienti e i sali necessari per piante e animali.

Questo acquario mostra un habitat naturale molto comune, con uno dei pesci d’acquario più amati: Paracheirodon innesi, noto anche come Neon tetra.

Foto di Jan Šulc.

4. Europa – sponsorizzato da SICCE

Approvato da: Alexey Malyshev e Gireg Allain (AquaMag)

BAM: Łęgi Odrzańskie, Polonia, di Alek Halczuk (Polonia):

L’acquario biotopo da 288 litri mostra un frammento della pianura alluvionale del fiume Odra (Łęgi Odrzańskie). Sopra l’acqua c’è una rigogliosa vegetazione palustre, principalmente specie del genere Carex. I pesci nuotano tra le radici visibili e le erbe incavate. Il delicato movimento dell’acqua assicura la giusta quantità di ossigeno.

Foto di Alek Halczuk.

5. Africa – sponsorizzato da BAP

Approvato da: Ad Konings (CichlidPress) e Stefano Valdesalici (AIK)

BAM: Habitat intermedio poco profondo, Cape Banza, RDC, di Marcus Vinicius David (Brasile):

Questo BAM mira a simulare una regione poco profonda della costa di Capo Banza, situata nell’estremo nord della penisola di Ubwari, nel bacino settentrionale del lago Tanganyika.

Un acquario illuminato, riempito di Hydrilla verticillata nella zona intermedia tra le rocce. Le rocce sono arenarie ricche di caolinite che si trovano lungo l’intera costa della penisola di Ubwari e anche in Brasile. La roccia più grande pesa circa 60 kg e occupa i 2/3 dell’acquario. Il substrato ha una grande dispersione granulometrica ed è il risultato di un impasto di sabbia di diverse spiagge.

La fauna è composta da shell-dwellers Lamprologus ocellatus e Neolamprologus multifasciatus, separate dalle grandi rocce e con zone sabbiose uniche per ogni specie. Gli abitanti delle rocce Neolamprologus leleupi occupano gli agglomerati rocciosi che formano rifugi e grotte. L’interazione tra le specie è piuttosto interessante, ciascuna con le sue regioni ben consolidate. Neolamprologus leleupi sono prolifici mentre Lamprologus ocellatus promuovono il controllo delle nascite.

Foto di Marco Vinicio David.

6. Asia orientale – sponsorizzato da BAP

Approvato da: Fan Li e Zhou Hang

BAM: Palude senza nome a Conghua, Guangzhou, Cina, Nan Li (Cina):

La palude che descrivo è ricca di vegetazione, con un’ampia distribuzione di Nephrolepis sp. La palude è disseminata di rami, fornendo un abbondanza di riparo per i pesci. Il substrato della palude è fangoso e, quindi, molto adatto alla crescita di Phragmites australis. In alcune zone della palude sono distribuiti Eleocharis yokoscensis.

Foto di Nan Li.

7. Asia meridionale, centrale e occidentale – sponsorizzata da BAP

Approvato da: Friedrich Bitter (Amazonas) e Sven Kullander (NRM)

BAM: Piccolo ruscello, vicino al fiume Raidāk, India, di Pedro Mendanha Dias (Portogallo):

Nella parte indiana del drenaggio del fiume Brahmaputra, vicino al fiume Raidāk, sono presenti dei piccoli ruscelli che attraversano rigogliosi campi agricoli (spesso di riso), con acque cristalline, fondali ricoperti da sabbia grigia, ghiaia fine, rocce tondeggianti e legni galleggianti, e fitta crescita di vegetazione marginale e acquatica [es Hygrophila (possibilmente Hygrophila balsamica, Hygrophila corymbosa, Hygrophila difformis, Hygrophila lancea o Hygrophila polysperma), Limnophila (possibilmente Limnophila aquatica, Limnophila aromatica, Limnophila heterophylla, Limnophila indica, Limnophila rugosa o Limnophila sessiliflora), Ottelia (possibilmente Ottelia alismoides), and Rotala (possibilmente Rotala indica, Rotala rotundifolia, Rotala serpyllifolia o Rotala wallichii) specie e muschi dei generi Vesicularia o Amblystegium serpens.

In questi tipi di paesaggi subacquei è possibile incontrare lo straordinario pesce Dario dario, insieme alla specie di gambero indiano Caridina babaulti.

Foto di Pedro Mendanha Dias.

8. Sud-est asiatico e Oceania – sponsorizzato da FLUVAL

Approvato da: Greg Martin (ANGFA) e Peter Unmack (ANGFA)

BAM: Son River Stream, Phong Nha-Ke Bang NP, di Magdalena Szubska (Polonia):

Questo acquario di 300 litri mostra un frammento della riva del fiume Son vicino alla grotta Son Doong più potente del mondo nel Parco Nazionale di Phong Nha-Ke Bang in Vietnam. L’atmosfera misteriosa e unica di questa zona mi ha ispirato a creare un biotopo per Macropodus opercularis, che abita in questa zona. Ho pensato di creare un “biotopo paradisiaco” per il Pesce del Paradiso. È il primo pesce d’acquario esotico – dopo il pesce rosso – che ha raggiunto l’Europa nel 1869. La specie che completa il cast qui è Barbodes semifasciolatus.

L’argine, modellato come in natura, mostra numerose radici e rami. Un piccolo corso d’acqua ha posizionato piccole pietre sul fondo sabbioso del bacino tra le rocce più grandi. Sul fondo dell’acquario ci sono molte foglie secche e frutta secca, molti materiali organici che forniscono tannini e composti umici. Un’illuminazione delicata, sufficiente per le piante che si trovano qui, crea un’atmosfera unica e sottolinea il mistero del biotopo ricreato.

Foto di Mokre Łapska.

BAP si sta preparando al BAC2022 con un annuncio di pre-registrazione il 20 aprile 2022 e l’apertura della registrazione il 20 maggio 2022. Invitiamo te e tutti gli hobbisti che sono molto orgogliosi di creare ambienti dall’aspetto naturale nei loro acquari a partecipare al BIOTOPE AQUARIUM Contest 2022!

Vi sfidiamo a partecipare al BIOTOPE AQUARIUM Contest (BAC2022)!

Finestra informativa:

BIOTOPE AQUARIUM Project è la prima piattaforma multimediale internazionale dedicata alle esplorazioni acquatiche, nuove scoperte, biologia degli abitanti acquatici, allestimenti di acquari biotopi, condivisione di dati sui biotopi, conservazione degli ecosistemi d’acqua dolce/biodiversità e temi di ricerca educativa.

Per saperne di più visita: https://biotopeaquariumproject.com/bap-map/